AGAINST ANIMAL CRUELTY

Salute

RABBIA: IN RIDUZIONE CASI NEL NORD-EST

Si stanno riducendo i casi accertati di rabbia silvestre nel nord-est Italia: si è infatti passati dalle 49 positività al virus registrate nelle volpi nel mese di gennaio ai 9 casi dell’ultimo mese, registrati a giugno. Ed entro la fine del 2010 saranno completate quattro campagne di vaccinazione, effettuate con mezzi aerei, su un’area di oltre 30.000 kmq. E’ quanto precisa una nota del ministero della Salute.

Da dicembre, per cercare di arginare la rabbia, il ministero ha infatti attivato un piano di vaccinazione orale delle volpi che ha interessato le Regioni del nord-est. Le procedure messe in atto, riporta una nota del ministero, sono “in accordo con le raccomandazioni della Comunità europea e dell’Organizzazione mondiale della sanità animale, e consentono di ridurre il rischio che la malattia si estenda alle regioni confinanti”.

Il ministero ricorda che è inoltre attivo un sistema di sorveglianza negli animali selvatici che garantisce un’individuazione rapida di nuovi casi di malattia, e nelle aree a rischio è obbligatoria la vaccinazione di animali domestici, cani, gatti, bovini, ovicaprini e cavalli che si recano al pascolo.

Grazie a questi interventi sanitari, spiega il ministero, la malattia è “sotto controllo”, tanto che “al momento si assiste ad una riduzione dei casi accertati”. Pertanto “allo stato attuale non si ritiene necessario apportare modifiche essenziali alla strategia sinora adottata”.

(ANSA)