AGAINST ANIMAL CRUELTY

STERILIZZAZIONE GRATUITA PER I CANI MA L’ORDINE DEI VETERINARI SI OPPONE

L’iniziativa del Comune di Manduria di sterilizzare gratuitamente i cani microcippati che vivono in casa dei manduriani, non piace al presidente dell’Ordine dei medici veterinari della provincia di Taranto che muove delle critiche che non piaceranno agli animalisti locali. Pur riconoscendo «l’efficacia delle campagne di sterilizzazione quale mezzo di lotta e prevenzione del randagismo – scrive il presidente Antonio Di Bello – ritengo sia doveroso riportare alcune considerazioni sui criteri e le modalità di realizzazione di tale iniziativa».
Partendo dal presupposto «delle difficoltà economiche che da sempre accompagnano la lotta la randagismo, perché – si chiede il presidente dei veterinari jonici – non ottimizzare la disponibilità e le risorse offerta dal comune di Manduria implementando la sterilizzazione dei cani randagi vaganti o quelli ospitati nei canili?». L’appunto del tarantino Di Bello è chiaro? Se il comune ha soldi da spendere, perchè non investirli sulle cagne randagie che solo il vero dramma della questione? Se poi la situazione del territorio è sotto controllo, continua provocatoriamente il presidente dell’ordine dei veterinari, perché allora «non orientare tali generose disponibilità su altri comuni limitrofi dove il problema randagismo potrebbe essere più sentito?».
La seconda critica è ancora più puntigliosa e riguarda l’economia delle famiglie e il diritto allargato a tutti di ricevere la prestazione gratuita. «La possibilità di aderire all’iniziativa – fa notare il dottor Di Bello -, sarebbe estesa indistintamente a tutti i proprietari di cani residenti a Manduria indipendentemente dalle condizioni economiche degli stessi. Tal possibilità, pur non volendosi soffermare sull’opportunità di perequazioni a carattere sociale, potrebbe portare i cittadini non bisognosi ma maglio informati a fruire dell’iniziativa e altri con difficoltà economiche a restare esclusi, visti anche i tempi ristretti dell’iniziativa. Come effetto – prosegue il veterinario – so avrebbe che i primi, pur potendo, eviteranno di rivolgersi ai veterinari liberi professionisti del territorio e i secondi, in caso di gravidanze indesiderate dei propri animali, possano essere più portati all’abbandono dei cuccioli a causa delle loro difficoltà».
C’è poi l’aspetto della concorrenza sleale tra veterinari locali e quelli ospitati dall’associazione che si occuperà delle sterilizzazioni promosse dal comune. «Se sterilizzare gratuitamente randagi dei canili è opera lodevole – fa sapere il presidente Di Bello – farlo allo stesso titolo su cani di proprietà lascerebbe intravedere violazioni in merito a lealtà nella concorrenza e correttezza professionale». Se invece questi interventi che devono essere eseguiti da veterinari di altre regioni, prevedono compensi, allora il presidente dei veterinari della provincia di Taranto si chiede «come mai non si è pensato di rivolgersi a professionisti del posto che, con uguale capacità e competenza, avrebbero portato a termine la campagna di sterilizzazione in tempi più adeguati e in modo più capillare?». Infine la stoccata finale. «Resta la consapevolezza dei sicuri effetti negativi che l’iniziativa, così condotta, avrà sulle attività lavorative dei colleghi liberi professionisti del territorio, cosa che ritengo possa essere, in qualità di rappresentante dell’Ordine dei medici veterinari, motivo di lecita preoccupazione».

|La Voce di Manduria|

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...