AGAINST ANIMAL CRUELTY

British Petroleum nasconde le prove degli animali morti

|Giornalettismo.com|

Il numero di uccelli, pesci, tartarughe e mammiferi uccisi con l’uso di Corexit, il disperdente usato nel Golfo, non potrà mai essere conosciuto realmente ma ci sono evidenze che suggeriscono che la BP ha collaborato con la Guardia Costiera, il Dipartimento della Homeland Security, la FAA, organizzazioni pubbliche e private per nascondere le operazioni di smaltimento degli animali ai media e al pubblico. La maggioranza delle operazioni di smaltimento sono state condotte di notte, le aree costiere dove sono stati raccolti gli animali morti sono state chiuse dalla US Coast Guard. Sulla riva, appaltatori privati e funzionari delle forze dell’ordine locali hanno sorvegliato le discariche in cui le spoglie degli animali morti sono state accumulate, addirittura con guardie armate come nel caso della discarica Magnolia Springs.

Quel che non si vede però si sente come testimonia Robyn Hill, funzionario addetto alla sicurezza nella spiaggia di Gulf Shores : una mattina è svenuta per il fetore opprimente che si sentiva sulla spiaggia in cui lavorava; quando ha voluto capire da dove provenisse ha osservato due operai che gettavano sacchetti di plastica pieni di uccelli morti e di pesce in un cassonetto dei rifiuti residenziale protetto da una guardia di sicurezza. Quando il cassonetto è stato lestamente svuotato da un camion, la guardia si è allontanata. Perchè nascondere così lo smaltimento degli animali?

Il Christian Science Monitor a giugno spiegava che per le leggi federali la Bp deve pagare una multa fino a a 50 mila dollari per ogni animale morto presente sulla lista delle specie in via di estinzione, come ad esempio una tartaruga di Kemp Ridley. Ma anche i pellicani Brown, che sono stati duramente colpiti dalla marea nera. Infatti, la US Fish and Wildlife Service elenca 29 specie minacciate di estinzione nel Golfo che potrebbero essere state colpite dal petrolio. Perciò non è difficile capire che come la BP sta cercando di nascondere la quantità di greggio che ha invaso nel Golfo, per ridurre l’importo delle multe che deve pagare secondo il Clean Water Act , così allo stesso modo, sta cercando di smaltire segretamente gli animali in via di estinzione uccisi dalla marea nera, per diminuire le sanzioni in applicazione della legge sulle specie minacciate di estinzione.

Annunci

2 Risposte

  1. marialuisacerchio

    La BP continua a comportarsiin magnera ignobile…..non ci sono parole…..
    Marialuisa della redazione di http://www.ourplanet.it
    sito ecologico venite a trovarci

    13 agosto 2010 alle 5:02 pm

    • Concordo pienamente.

      Grazie per l’invito, vi abbiamo aggiunto tra i link consigliati.

      Saluti

      13 agosto 2010 alle 7:20 pm

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...