AGAINST ANIMAL CRUELTY

Capurso (BA), cane ferito si salverà dalle fucilate

BARI – Uno sparo in una notte d’estate. Un colpo d’arma da fuoco. Sono poco più delle tre. Qualcuno martedì ha sparato a un cane randagio. Con un fucile. Per fortuna non l’ha ucciso, anche se l’intento appare chiaro. La ferita alla coscia posteriore destra non è grave, ma l’animale perde molto sangue nelle oltre sei ore che passano prima che arrivino i soccorsi. Il cane resta ai bordi della strada, in via Magliano, verso Valenzano (è periferia, in realtà siamo a poche centinaia di metri dal centro). Un’anziana signora dall’orecchio fino sente la fucilata e poi l’animale guaire. Al mattino chiama la Lega antivivisezione di Bari. I volontari dell’associazione si precipitano e trovano il cane – un grosso randagio, spesso accudito da alcuni residenti – in condizioni drammatiche. Lo trasportano in un ambulatorio veterinario. Il medico conferma: ferita da arma da fuoco. I pallini hanno colpito anche l’addome. Il cane si salverà, ma dovrebbe restare zoppo.

«È un episodio che ci lascia esterrefatti – dichiara Sara Leone, della Lav -. Un gesto spietato, crudele e molto grave anche sotto il profilo giuridico. Chi maltratta e uccide un animale – ricorda – commette un reato punibile anche con il carcere». «Sono davvero addolorato – dice il sindaco Francesco Crudele -. Sono stato informato nel primo pomeriggio. Spero che il responsabile sia individuato».

In paese stanno nuovamente circolando «cani senza padrone », alcuni anche di grossa taglia. «Proviamo a tenere sotto controllo il fenomeno del randagismo – replica il primo cittadino -. Fenomeno che ovviamente non autorizza per nessun motivo a compiere gesti così gravi. Da questo punto di vista stiamo vivendo un periodo molto complicato per poter intervenire anche alla luce di una nota della Asl di Bari che vieta di consegnare i cani accalappiati a strutture fuori del distretto d’ambito. Ciò ci impedisce di portare gli animali a Toritto, dove sorge un canile di cui si dice un gran bene».

fonte

Annunci

2 Risposte

  1. daniela

    ma quando li prendono sti maledetti e gli sparano in testa spero muoiano sotto il fuoco amico….AUGURI MERDAIUOLI……

    14 luglio 2010 alle 9:47 pm

  2. Mariana

    Il cane sparato a Capurso (BA) si chiamava Billo! Lo amavano tutti in paese, perchè era un cane dolcissimo. Non ha mai morso nessuno! Purtroppo le ferite che non sembravano gravi,non l’hanno aiutato, perché alla fine mercoledi sera è morto per le piccole palline di piombo che hanno toccato tutti gli organi vitali. Gli amici lo piangono tantissimo. Era il bonaccione del paese.Peccato che la gente non apre la bocca per dire tutta la verità.

    15 luglio 2010 alle 2:01 pm

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...