AGAINST ANIMAL CRUELTY

COMO, CFS SEQUESTRA OLTRE CENTO CUCCIOLI CANI DA EST EUROPA

Sono oltre cento, alcuni dei quali in pessime condizioni di salute e strappati troppo prematuramente alle cure materne, i cuccioli di cane importati illegalmente dall’Est europeo e sequestrati in provincia di Como dal Corpo forestale dello Stato. L’operazione e’ stata condotta dai Forestali del Nucleo Investigativo Provinciale di Polizia Ambientale e Forestale (NIPAF) di Torino e dal Nucleo Investigativo per i Reati in Danno agli Animali (NIRDA) in collaborazione con il Comando Stazione di Asso (Como), a seguito di una lunga e complessa attivita’ investigativa volta a contrastare i crimini contro gli animali. A supporto dei Forestali e’ intervenuto anche il personale dell’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA) di Piemonte e Lombardia. I cuccioli, 104 per l’esattezza, sono stati ritrovati in due esercizi commerciali, nel Comune di Erba e nel Comune di Merone (Como).

Dai controlli effettuati dagli agenti della Forestale e dai veterinari dell’Asl di Como Brianza, e’ emerso che tutti gli animali erano stati importati illegalmente dall’Ungheria muniti di passaporti irregolari e molti erano pronti per essere immessi nel mercato, altri invece, sequestrati successivamente, erano gia’ stati venduti ad un altro commerciante. I cagnolini, ritrovati in vari casi in pessime condizioni di salute, appartenevano a varie razze, tra cui chihuahua, bull terrier, bulldog francesi, maltesi, west highland, chow chow, carlini, san bernardo, papillon, pincher e cavalier king, e avevano tutti tra i 45 e i 100 giorni di vita, un’eta’ che per legge non ne consente l’importazione. I tre commercianti implicati nella vicenda sono stati tutti denunciati per maltrattamento, falso in atto, ricettazione e per violazione delle normative sanitarie comunitarie. I cuccioli intanto sono stati tutti sequestrati, alcuni sono stati trasportati in cliniche specializzate a causa delle loro gravi condizioni di salute, gli altri sono stati affidati all’ENPA che li ha ricoverati in alcune delle proprie strutture presenti in Piemonte e Lombardia.

(AGI)

Annunci

3 Risposte

  1. SE NOI ANIMALISTI NON CI BATTIAMO AFFINCHE’ CI SIA UNA LEGGE SEVERA CHE PUNISCA CHI MALTRATTA QUESTI POVERI ED INDIFESI ANIMALI ………..CONTINUERANNO AD ESISTERE QUESTE ATROCI VERITA’ !!!!!!!!!!!

    17 maggio 2010 alle 8:09 am

  2. E’ un continuo sentire di maltrattamenti agli animali, ma quando finirà questa storia? Perche non si puniscono i colpevoli in modo adeguato togliendo loro le licenze multandoli ma gravemente sui loro redditi togliendo loro la possibilità di fare altro male??

    17 maggio 2010 alle 11:58 am

  3. vanja

    ma può essere che la GENTE (perchè non sono persone ma gente) dell’est non faccia niente di buono? in nessun settore in nessuna occasione sono proprio gentaglia e vengono tutti qui
    che fortuna!!!

    17 maggio 2010 alle 12:14 pm

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...