AGAINST ANIMAL CRUELTY

“LA CARNE DI CANE? MEGLIO DEL GINSENG”

Yang Liwei, 44 anni, è stato il primo astronauta cinese ad andare in missione nello spazio. Nella sua autobiografia, da poco disponibile nelle librerie d’oriente, oltre al racconto di spettacolari e incredibili esperienze, c’è anche la rivelazione di un particolare sconvolgente. “Molti amici – scrive Yang – sono curiosi di sapere che cosa mangiamo quando siamo in orbita”.

E la risposta alla più banale delle curiosità sorprende tutti. “Molti pensano che gli astronauti abbiano delicatezze, come il pescecane o l’orecchio di mare. – afferma l’astronauta – Invece mangiamo cibo normale”. Principalmente pollo stufato, pesce al vapore e la prelibata carne di cane proveniente dalla provincia di Huajiang nel Guangdong, la quale, assicura Yang, è importantissima per la salute per le sue innumerevoli qualità nutritive. Un’indiretta conferma arriva dai nutrizionisti cinesi, i quali hanno stilato di proprio pugno la lista dei migliori alimenti per soggiorni nello spazio, includendovi anche tale tipo di pietanza, assolutamente fuori dal comune. Yang conclude la dissertazione ricordando un antico ma calzante proverbio mandarino il quale sostiene che “il cane di Huajiang è migliore del ginseng”. L’erba medicamentosa orientale più famosa al mondo, sarebbe solo un placebo se confrontato alle potenzialità alimentari e curative della carne canina. A riportare la notizia è il quotidiano inglese “The Telegraph”. Yang aveva preso parte alla missione “Shenzhou 5” del 2003 e il libro edito da poco concerne dettagliatamente proprio tale avventura.

Feroce il grido di protesta delle associazioni animaliste che è rimbalzato da Hong Kong, forte per colpire le istituzioni. Irene Feng, portavoce dell’organizzazione in difesa degli animali, ha ricordato che “ci sono alti rischi collegati all’allevamento, la macellazione e il consumo di cani. C’è un largo numero di malattie associate al suo commercio, come colera e rabbia, e tutte possono essere facilmente trasmesse agli umani. Inoltre, in alcune aree, soprattutto rurali, i cani sono avvelenati e soffrono una morte terribile e brutale”.

È assolutamente inconcepibile come il più caro degli animali domestici possa essere ucciso e cucinato dagli uomini. Una tradizione raccapricciante, che speriamo venga presto abolita. Soprattutto in nome di quella fedeltà e fiducia che il nostro amico canino ci ha sempre storicamente riservato.

Fonte

Annunci

Una Risposta

  1. L’INCIVILTA’ DELLE PERSONE SI RISCONTRA IN OGNI PASSO DELLA VITA,NON HO PAROLE PER ESTERNARE IL MIO PROFONDO DISPREZZO PER QUELLE PERSONE………..MI VIENE IL VOMITO……………………………MALEDETTIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

    15 maggio 2010 alle 3:56 pm

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...