AGAINST ANIMAL CRUELTY

Due giovani sequestrati da una famiglia, per aver fatto troppe domande su un cane! 5 arresti

Cinque componenti una famiglia di San Giorgio la Molara (BN) sono stati arrestati, ieri, per aver sequestrato due giovani beneventani. La scoperta in flagranza di reato è stata fatta dai carabinieri della locale stazione che hanno posto fine a una storia incredibile che tuttavia poteva avere ulteriori imprevedibili esiti.

Sono stati arrestati in flagranza di reato perché responsabili di sequestro di persona, rapina e il solo capofamiglia, di usurpazione di titolo, 5 componenti un nucleo familiare tutti agricoltori e residenti sangiorgesi in Contrada San Pietro: Giorgio Mercuri 51enne, Giuseppa Verrilli, la moglie, 42enne, le figlie Maria Lucia di 27anni e Maria Grazia di 21 anni e il figlio Giuseppe diciottenne.

Stando alla ricostruzione dei militari dell’Arma, i cinque, nel tardo pomeriggio di ieri, per futili motivi hanno impedito a due giovani di Benevento di uscire dalla propria proprietà in Contrada San Pietro, chiudendo il cancello di recinzione e collocando dei grossi tronchi di legna lungo la strada, non prima di essersi fatti consegnare i loro documenti di identità e i telefoni cellulari.

Il motivo di tale azione sarebbe riconducibile alle spiegazioni richieste alla famiglia Mercuri, dai due giovani beneventani sulle condizioni in cui si trovava un cane di razza meticcia da loro affidatogli tempo addietro, spiegazioni chieste durante la settimana che avrebbero irritato l’intero citato nucleo familiare. Da ciò, secondo i carabinieri, l’assurda intenzione della famiglia Mercuri (il cui capofamiglia peraltro avrebbe dichiarato di appartenere al Corpo della Guardia di Finanza) di punire nella circostanza i due giovani impedendogli di allontanarsi.

L’intervento dei militari è avvenuto grazie alla chiamata di aiuto che uno dei giovani era riuscito a inoltrare, agli stessi Carabinieri (112), prima che i loro cellulari gli venissero sottratti. All’arrivo dei militari operanti i due giovani, Alessandro Izzo, di 29 anni, e Maria Grazia Cancellieri venticinquenne, erano ancora bloccati all’interno della proprietà dei Mercuri. Il nostro intervento, dicono i carabinieri, ha evitato probabilmente ben più gravi conseguenze ai due studenti, oggetto di un vero sequestro di persona.

A eccezione della moglie, alla quale sono stati concessi i benefici degli arresti domiciliari, il marito e i tre figli sono stati associati alla Casa circondariale di Benevento.

Fonte

Annunci

6 Risposte

  1. Anna

    Purtroppo in Italia abbiamo questa piaga che è la sottocultura del Sud (ma non di tutto il sud per fortuna). Per lavoro mi occupo di queste faccende e anche qui al nord, Milano, dove lavoro, chi mette in atto maltrattamenti e altro nei confronti degli animali, sono dell’Est Europa oppure, e ci tengo a sottolineare che mi spiace doverlo constatare, sono del Sud. Eppure c’è tanta brava gente del Sud che condanna questi abomini, ma sono proprio loro a dover ammettere che è la mentalità tipica delle loro parti trattare male o non considerare gli animali. Peccato perchè ogni volta che fanno una brutta azione di questo genere perdono l’ennesima occasione per riscattarsi. Concludo sottolineando che non ho fatto questa premessa con fini razzisti, assolutamente no, ma dato che lavoro nelle Forze dell’Ordine, statistiche alla mano non posso far altro che amaramente constatare i dati di fatto.

    27 aprile 2010 alle 1:34 pm

    • Cara Anna,
      non conosco le sue ‘fonti’ per affermare che il Sud è più abominevole del Nord, in tema di maltrattenti animali. Nel caso volesse approfondire l’argomento, si faccia una spulciatina di tuttu gli articoli pubblicati su Osservatorio Animalista -o altrove- e avrà qualche sorpresa.
      Il nord si differenzia su tante cose rispetto al Sud, ma non in tema di maltrattamenti. Purtroppo!

      28 aprile 2010 alle 9:11 am

  2. cinzia

    Semplicemente due mesi? solo????????

    27 aprile 2010 alle 6:14 pm

  3. Riccardo

    Per “Observer”, penso tu ti stia sbagliando di grosso,le strutture ed i canili che esistono al nord
    nemmeno se li sognano al sud ed anche se no vale per tutti e fuori discussione che al sud accadano cose spesso raccapricianti.Capitano pure al nord ma bruciare un cane per strada o lasciare morire in un pseudo zoo tigri e orsi o sentire di quello che lega il cane alla macchina e lo trascina mi spiace ma sono tutte notizie che arrivano da li’.Forse devi rivedere qualcosa pure lei…

    28 aprile 2010 alle 1:47 pm

    • Guardi, non cerco certamente di convincerla. Mi fido delle sue statistiche.
      Buona sera

      28 aprile 2010 alle 8:43 pm

  4. manuela

    ….e il cane??? mi auguro l’abbiano tolto da lì!!!

    1 maggio 2010 alle 9:07 am

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...