AGAINST ANIMAL CRUELTY

STUDENTI AGGREDITI DA CANI RANDAGI: SALVATI DAI CARABINIERI

Volturara Irpina – I carabinieri della stazione di Volturara Irpina hanno salvato un ragazzo dall’aggressione di un randagio. Più precisamente, mentre i carabinieri erano davanti alla scuola per assicurare la regolarità dell’afflusso e prevenire reati in genere, sono stati attirati dalle grida di alcuni studenti perché un pericoloso cane aveva aggredito uno studente che stava per entrare in classe. I carabinieri accorsi immediatamente hanno, dapprima, allontanato il cane, meticcio e di grossa taglia e, tratto in salvo il ragazzo organizzando una serie di servizi, unitamente a Vigili Urbani ed accalappiacani in collaborazione con la competente Asl, che hanno permesso di catturare due pericolosi cani randagi, meticci e di grossa taglia, aggressivi e mordaci. Solo di pochi giorni fa l’ultimo spiacevole episodio che si era verificato, sull’Altipiano del Laceno, dove alcuni cani randagi avevano tentato di aggredire alcune comitive di turisti. I carabinieri, anche i questo caso in collaborazione con il personale dell’Asl avevano effettuato mirati servizi, limitando danni grazie all’individuazione di una decina di cani randagi che venivano catturati ed trasportati in un canile della zona. A seguito di questi inquietanti episodi sono ora in corso accertamenti da parte dei Carabinieri, non solo per individuare chi abbia abbandonato gli animali catturati ma anche per monitorare la situazione nell’intero territorio della Compagnia Carabinieri di Montella in modo da scongiurare, assieme agli enti competenti, analoghi rischi per il futuro.

fonte

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...