AGAINST ANIMAL CRUELTY

Riparte la caccia al cinghiale, via libera a carabine e trappole

Riparte la caccia al cinghiale nel bolognese.

Coinvolti ancora una volta i cacciatori degli Atc (ambiti territoriali di caccia) della provincia, per i quali non è previsto nessun tetto massimo di capi da abbattere. Del resto, come si legge nella delibera approvata martedì scorso dalla giunta provinciale di Bologna, la popolazione di cinghiali in questo territorio è diventata un vero incubo per gli agricoltori, che ogni anno si ritrovano con i cambi devastati da queste animali.

I cacciatori, si legge nel nuovo Piano di controllo del cinghiale per il 2010 stilato da Palazzo Malvezzi, potranno usare sia il fucile che la carabina (anche con appostamenti) ma anche gabbie e recinti di cattura.

Le trappole dovranno però essere usate con esche alimentari e devono essere controllate ogni giorno, altrimenti vanno disinnescate. Le gabbie non dovranno essere esposte al sole e ogni animale diverso dal cinghiale che verrà catturato dovrà essere subito liberato sul posto.

(Corriere della Sera)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...