AGAINST ANIMAL CRUELTY

PARMA: SALVATO LUPO AVVELENATO


E’ stato trovato agonizzante nei pressi dell’abitato di Reno nel comune di Tizzano in Provincia di Parma.

Il pronto intervento del Dott. Mario Andreani, medico veterinario incaricato dalla Provincia di Parma, coadiuvato dal personale del Corpo Forestale dello Stato e dal personale del Centro Recupero Animali Selvatici del Parco Regionale Boschi di Carrega, ha permesso di salvare il lupo da morte certa, anche grazie alla collaborazione e agli esami specialistici della Clinica Veterinaria San Francesco di Langhirano.

Dopo una breve convalescenza presso le strutture del Centro Recupero Animali Selvatici Boschi di Carrega (Sala Baganza- PR), diretto dalla Direttrice del Parco Dott.sa Margherita Corradi e autorizzato alla detenzione della specie Lupo dalla Provincia di Parma, l’animale è stato reimmesso in natura.

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano, che gestisce un progetto di monitoraggio della presenza dei branchi locali di Lupo direttamente finanziato dalla Commissione Europea attraverso lo strumento finanziario Life plus, ha prontamente messo a disposizione un radio-collare GPS-GSM di ultimissima generazione attraverso il quale è ora possibile monitorare a distanza gli spostamenti in natura del giovane lupo.

Il piccolo radio-collare è infatti dotato di un ricevitore GPS che ad intervalli regolari è in grado di inviare ad un centro di smistamento internazionale (Svezia) messaggi (sms) contenenti le localizzazioni del lupo. Il centro di smistamento a sua volta provvede ad inoltrare in automatico, via e-mail, le localizzazioni del lupo alla posta elettronica dell’ufficio conservazione del Parco nazionale.

Dal giorno del suo inserimento in natura lo staff del Progetto Life EX-TRA del Parco nazionale provvede alla trasformazione dei dati contenuti nei messaggi inviati dal radio-collare ed al plottaggio delle localizzazioni sulla cartografia digitale del proprio Sistema Informativo Territoriale e conseguentemente all’invio delle informazioni ai componenti il gruppo di lavoro coinvolto nell’operazione di rilascio e monitoraggio dell’animale, costituito dagli staff tecnici del Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano e del Parco Regionale Boschi di Carrega.

In questo primo periodo il radio-collare è stato programmato per localizzare la posizione dell’animale ad intervalli regolari di quattro ore (n. 6 localizzazioni al giorno).

Nel febbraio del 2004, sempre in provincia di Parma, una analoga situazione aveva portato a radiomarcare un giovane maschio (M15) che dopo il rilascio in natura intraprese una lunga dispersione che lo portò a valicare alcuni mesi dopo il suo rilascio il confine italo-francese nei pressi del Colle di Tenda in provincia di Cuneo.

fonte

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...