AGAINST ANIMAL CRUELTY

Tartarughe morte sul litorale di Salerno: intestino infiammato dal mare inquinato?

Nei giorni scorsi 3 esemplari «Caretta caretta» spiaggiati: da capire se i virus sono trasmissibili all’uomo

SALERNO – Il mare Campano è sempre più inquinato. Un dato che potrebbe essere confermato ancora una volta dopo l’esame batteriologioco sulla morte di tre tartarughe «Caretta caretta» avvenuta nei giorni scorsi sul litorale di Salerno.

Saranno pronti nel fine settimana i risultati dell’esame effettuato su due delle tre carcasse. Finora l’esame anatomo-patologico ha rivelato che le tartarughe spiaggiatesi sulla costa salernitana – due femmine di circa 30 anni – sono morte a causa di un’infiammazione dell’ intestino tenue, dovuta forse a cisti parassitarie.

La carcassa di un terzo esemplare della stessa specie, rinvenuta a Ischia, è invece congelata, in attesa dei primi accertamenti. Lo rende noto Fabio Di Nocera, medico veterinario della sede salernitana dell’Istituto zooprofilattico sperimentale del mezzogiorno, che conduce l’autopsia sui due esemplari. «L’esame sulle feci – spiega – è negativo alla salmonella. Ora stiamo procedendo con una semina degli organi per verificare che le due tartarughe non fossero affette da batteri o virus trasmissibili all’uomo. I risultati dell’esame batteriologico – continua – faranno capire se tra le cause della malattia vi sia stato un eventuale inquinamento delle acque marine».

Intanto il ministero dell’Ambiente sta lavorando ad un primo censimento delle tartarughe marine, specie protette secondo diverse convenzioni internazionali, avvistate o spiaggiatesi lungo le coste italiane negli ultimi 15 anni (3261 dal 1994 al 2009). Lo studio è contenuto nella bozza del Piano d’Azione per la Conservazione delle Tartarughe Marine (Patma) ed ha lo scopo di monitorare e tutelare le diverse specie. Tra queste la Caretta, secondo il documento a rischio estinzione «sebbene rappresenti la tartaruga marina più comune in ambito Mediterraneo».

(Corrieredelmezzogiorno.it)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...