AGAINST ANIMAL CRUELTY

VITELLO IN FATTORIA DIDATTICA PADOVANA, UCCISO E MACELLATO!

Non è il primo caso in zona: alcuni anni fa macellarono i montoni di una fattoria in via Monte Gallo. La direzione della scuola teme per gli altri animali: polli, tacchini, faraone e addirittura cavalli

Si sono mangiati il vitello didattico dell’istituto Duca degli Abruzzi di via Merlin. I resti dell’animale sono stati ritrovati nel frutteto dagli studenti lunedì mattina. Una volta nel frutteto, per la didattica di allevamento, i ragazzi si sono accorti subito che mancava uno dei vitelli della scuola. Al suo posto gli arti, la testa e le viscere abbandonati domenica notte da ladri affamati.

L’animale, molto probabilmente è stato macellato sul posto da mani esperte. E sono in molti a pensare che il vitello sia stato ucciso per essere mangiato. Non è il primo caso in zona: alcuni anni fa macellarono i montoni di una fattoria in via Monte Gallo. Per questo la direzione ora teme per gli altri animali: polli, tacchini, faraone e addirittura cavalli. «Se passa il messaggio che al Duca degli Abruzzi si va come in macelleria, ma gratis, è un disastro» mettono in guardia dalla scuola. E già avanza l’ipotesi di garantire una presenza anche domenicale e notturna. Ad oggi c’è già il personale addetto all’azienda agraria, in particolare alla conduzione dell’allevamento dei bovini e degli equini.

Quando necessario restano anche la domenica e la notte. All’a zienda, infatti, è annessa una stalla con centro raccolta latte nella quale sono presenti circa 80 bovini di varie razze. Alcuni sono destinati alla rimonta interna, mentre più o meno 40 vacche producono latte (circa 30 kg al giorno), poi venduto alle cooperative. Proprio quest’anno inoltre sono partiti i lavori per la costruzione della nuova stalla.

I diversi fabbricati sono distribuiti all’interno di un’area di 150.000 metri quadrati e occupano una superficie complessiva di 7.000 mq destinati ad aule e laboratori, a strutture dell’azienda agraria e al convitto. Senza dimenticare la produzione di formaggio, olio e vino. Il pensiero retrostante l’Istituto assomiglia più ad una filosofia pedagogica che alla mera organizzazione di un’azienda agricola. Gli studenti imparano da subito a rispettare ed amare gli animali. Il prodotto della terra entra a far parte di un ciclo vitale che insegna ai giovani l’i mportanza del rapporto con la natura. E così i ragazzi delle prime classi, fanno presto ad affezionarsi agli amici quadrupedi: il vitellino, sgozzato e portato via, l’avevano visto nascere l’estate scorsa, proprio in via Merlin.

(Il Mattino di Padova)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...