AGAINST ANIMAL CRUELTY

ANIMALI VIVI DATI IN PASTO ALLE TIGRI.

Fino ad ora era stata famosa per il suo spettacolare festival della neve e per le colossali sculture di ghiaccio che richiamano ogni anno migliaia di visitatori. Ma Harbin, città cinese della Manciuria non lontana dal confine con Russia e Corea del Nord, negli ultimi tempi sta facendo parlare molto di più di sè per l’«attrazione» che i responsabili del locale zoo safari – uno dei più grandi della Cina nordorientale, dove vivono quasi 3 mila animali di 150 specie diverse – hanno voluto regalare ai frequentatori del parco: il «live feeding», ovvero la liberazione nel recinto delle tigri siberiane di un impaurito animale da cortile, e offrire così al pubblico pagante lo spettacolo della morte in diretta.

LOTTA IMPARI – L’idea è forse quella di riproporre ai turisti ciò che avviene in natura, dove però tra preda e predatore si combatte una lotta che, se non ad armi pari, viene condotta perlomeno sulla base di equilibri stabiliti nel corso dei secoli. In questo caso, invece, il momento del pasto diventa semplicemente un pezzo dello spettacolo, a cui è possibile assistere dal sicuro dell’abitacolo di un pulmino o di un fuoristrada adeguatamente rinforzato. Non è solo lo zoo di Harbin a offrire ai visitatori il «live feeding», una pratica molto diffusa in Cina. Tuttavia le immagini registrate dai turisti in questo parco stanno facendo il giro della rete e sempre di più vengono viste e commentate con disappunto nel resto del mondo.

LISTINO PREZZI – I frequentatori del safari park, assieme al biglietto di ingresso, hanno la possibilità di acquistare uno o più capi da lasciare in balia delle tigri durante la visita. Il sovrapprezzo è minimo: si parte da 4 euro per una gallina, poco di più per una capretta e si arriva fino a 150 per un vitello, cifra che si può facilmente ripartire se si visita lo zoo in comitiva. Un supplemento che a quanto pare molti visitatori sono pronti a sborsare pur di vedere gli animali in azione, manco fosse veramente un inseguimento in un ambiente wildlife, come quelli documentati in tanti documentari naturalistici. Gli animali scelti come vittime sacrificali però non hanno neppure il tempo di rendersi conto di quanto sta per accadere: vengono lasciati in balia delle tigri e in pochi secondi tutto è finito.

NON SOLO SAFARI – Ciò nonostante, a giudicare dai video che circolano sul web, l’iniziativa riscuote un certo successo, perlomeno stando agli «oooh» di meraviglia, stupore e forse anche di compiacimento che si sentono sullo sfondo dei filmati. E la prassi non riguarda solamente gli zoo safari. In uno dei video si vedono alcuni visitatori che dall’alto di una balaustra in cemento lanciano una gallina legata ad una corda nel recinto sottostante, cercando anche di giocare con i felini come si farebbe con il micio di casa a cui si cerca di far prendere il ciondolo di gomma agganciato ad una piccola canna da pesca. E quando alla fine la tigre raggiunge il suo scopo, ovvero acchiappare al volo il pollo e sbranarlo in pochi bocconi, c’è pure qualcuno che ride e applaude .

Fonte

Annunci

Una Risposta

  1. la fama dei cinesi non e certo di bontà……………

    7 febbraio 2010 alle 11:09 am

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...