AGAINST ANIMAL CRUELTY

CIRCO DI BARCELLONA, CONDANNA A RECLUSIONE PER DETENZIONE ILLECITA DI TRE TIGRI

Si è concluso oggi presso il Tribunale Monocratico di Monza – sezione distaccata di Desio (Milano), il processo contro il proprietario del Circo di Barcellona: è stato condannato a quattro mesi di reclusione e al pagamento di un’ammenda di 5000 euro più le spese processuali, per detenzione illecita di tre tigri sprovviste della obbligatoria certificazione Cites e per averle illecitamente esposte a scopo di lucro. Questo grazie anche all’impegno e al supporto della LAV costituitasi parte civile. Inoltre il Giudice ha stabilito che lo stesso versi alla LAV, in qualità di parte offesa, la somma di 3.000 euro.

La vicenda comincia nel 2007 quando 3 delle tigri del Barcellona, prive di certificazione, vengono sequestrate dal Corpo Forestale dello Stato, ma di fatto lasciate al Circo stesso per impossibilità di reperire una struttura idonea ad ospitarle.

La detenzione di animali appartenenti a specie particolarmente a rischio di estinzione, quali le tigri, è regolata dalla Convenzione CITES e la loro detenzione non è permessa se non se ne dimostra la regolarità dell’importazione e della nascita in cattività, poiché ne è assolutamente proibito il prelievo in natura.

L’art. 4 della legge n. 150/1992, stabilisce tra l’altro che, nel caso in cui l’animale non sia accompagnato dalla prescritta certificazione, si passi obbligatoriamente alla sua immediata confisca che scatta al maturare della violazione del divieto, e anche quando tale violazione non sia punibile, esclusa ogni possibilità di deroga (principio sancito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 18805/06).

A seguito dell’inapplicazione della norma la LAV ha continuato a segnalare alle autorità competenti il perdurare dell’illecito in quanto almeno una della tigri continuava ad essere impiegata negli spettacoli oltreché esibita al pubblico con le altre due che, nel frattempo, sono decedute.

“Siamo lieti di questa sentenza che rende giustizia alla tutela di animali che, in ogni caso, mai dovrebbero conoscere la gabbia di un circo e ci auguriamo che, finalmente, la tigre superstite sia condotta verso una vita più adeguata – dichiara NadiaMasutti – inoltre vogliamo ringraziare tutti coloro, dai volontari LAV all’Avv. Paolo Iosca, nonché il Vice Questore Aggiunto, Dott.ssa Sabigni, del Corpo Forestale dello Stato, che hanno seguito il caso e speso grande impegno per vedere realizzato questo atto di giustizia”. (animalieanimali.it)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...